Amianto, visite e sostegno psicologico

Al convegno sulla salute dei veneziani l’assessore regionale Coletto annuncia: screening attivo come per colon e mammella.
La Nuova di Venezia, 14 aprile 2018, sezione Cronaca

La “sorveglianza sanitaria” dei lavoratori a rischio per l’esposizione all’amianto sarà inserita nel protocollo di screening sanitario regionale, già in funzione da anni per le patologie neoplastiche al colon, alla mammella e alle vie urinarie. La sorveglianza con visite ed esami ai polmoni, inoltre, includerà anche il sostegno psicologico per ridurre la sofferenza psichica dei malati e dei loro familiari. Queste due importanti aperture sono state fatte ieri dall’assessore regionale alla Sanità, Luca Coletto, alla tavola rotonda sulla “Sorveglianza sanitaria delle malattie da amianto nel Veneto” tenutasi ieri pomeriggio al Padiglione Antares, in appendice al convegno intitolato “Lo stato di salute dei residenti di Venezia e Mestre nelle indagini epidemiologiche sulla popolazione”, organizzato dalla Fondazione Bepi Ferro e patrocinato dal Comune di Venezia e dal Comitato per i Cento anni di Porto Marghera.

Di morti per l’esposizione alle fibre killer dell’amianto nel comune di Venezia se ne contano almeno uno ogni venti giorni. E così sarà ancora per parecchi anni, visto che la latenza del mesotelioma, il tumore caratteristico dell’esposizione all’amianto è molto lunga e può manifestarsi da 20 e 40 anni dopo l’esposizione stessa. A detta degli esperti in materia, il picco di mesoteliomi si verificherà nei prossimi anni, tra il 2020 e il 2030. Continueranno a soffrire per le patologie correlate all’amianto nei prossimi 130 anni sia i lavoratori che sono stati esposti e hanno respirato alle fibre killer, sia la popolazione costretta a convivere in ambienti pubblici e privati dove erano o sono tuttora presenti, in attesa della doverosa bonifica.

Del resto Venezia ha la più alta incidenza di vittime dell’amianto – utilizzato per decenni in molti settori produttivi a cominciare da edilizia, cantieristica navale e portuali, industrie chimiche ed energetiche – con ben 716 morti per mesotelioma (563 uomini e 153 donne) tra il 1987 e il 2017, pari a quasi un terzo di tutti i morti per questa causa nell’intero Veneto. «Dopo la conferenza Stato-Regioni del febbraio scorso dedicata al protocollo per le malattie correlate all’esposizione all’amianto», ha detto l’assessore Coletto, «l’avvio della sorveglianza sanitaria con chiamata attiva a screening periodici dei lavoratori a rischio individuati dall’Inail e il sostegno psicologico a loro e alle loro famiglie sono un atto dovuto in tutto il territorio regionale e ancor più a Porto Marghera, dove l’incidenza delle malattie da asbesto è ancora molto alta».
Link all’articolo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...