Via al progetto di ampliamento del bacino di evoluzione

LUNGO IL CANALE MALAMOCCO-MARGHERA
La Nuova di Venezia, 6 febbraio 2018, sezione Cronaca

Approvato in questi giorni dall’Autorità Portuale di Venezia il progetto esecutivo per i lavori di adeguamento del bacino di evoluzione numero 3 alle esigenze di navigazione nel canale Malamocco Marghera alla quota prevista dal Piano regolatore portuale.

Il progetto è necessario – come si legge nel decreto del presidente dell’Autorità Portuale Pino Musolino- «per poter garantire l’evoluzione in sicurezza delle navi in ingresso e in uscita dal Canale industriale Ovest».

Il progetto sarà realizzato senza la necessità di sottoporsi alla valutazione di incidenza ambientale dell’intervento, come prevede il Decreto regionale numero 1400 del 29 agosto 2017 anche per interventi di questo tipo.

L’allargamento del bacino di evoluzione – il cui costo complessivo è previsto in un milione e 520 mila euro – potrà essere anche funzionale in previsione del nuovo tracciato per il passaggio delle Grandi Navi, sostenuto anche dall’Autorità Portuale e alternativo al passaggio del Bacino di San Marco, che prevede appunto il passaggio dal canale Malamocco-Marghera e poi l’imbocco nel canale Vittorio Emanuele – da scavare – per raggiungere così la Marittima. Un intervento per il quale non è stato ancora stabilito se sarà necessaria o no la Valutazione d’impatto ambientale da parte del Ministero dell’Ambiente.  Secondo quanto prevede anche il Piano operativo dell’Autorità Portuale 2018-2020 – recentemente approvato – la conca di navigazione prevista alla bocca di porto di Malamocco – per consentire il transito delle navi anche durante la chiusura del Mose – dovrà consentire, da progetto, il transito di una nave lunga 280 metri e larga 39 metri in tutte le condizioni meteomarine in cui è attualmente agibile il porto di Venezia. Saranno attivati i lavori per l’escavo manutentivo del canale Malamocco-Marghera, nel tratto compreso tra il curvone di San Leonardo e i bacini di evoluzione. Il canale di grande navigazione Malamocco-Marghera si estende per circa 20 chilometri con una profondità di dodici metri. I bacini di evoluzione hanno un diametro di 350 metri, ma il numero 3 sarà appunto allargato con il nuovo intervento.

Lungo il canale Malamocco-Marghera è oggi consentito il traffico a senso unico alternato per navi larghe al massimo 45 metri.
Link all’articolo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...