Porto, traffici complessivi in lieve calo

Crocieristi in picchiata dell’11 %, ma i container sono stabili, i cargo in crescita del 44% e i traghetti a Fusina del 34,4%
La Nuova di Venezia, 6 febbraio 2018, sezione Cronaca

Il porto di Venezia ha chiuso il 2017 con un totale di merci movimentate nei dodici mesi in modesta flessione (-0,5% rispetto al 2016), confermando i 25 milioni di tonnellate di merci in arrivo e partenza dalle banchine portuali a fronte dei 21 milioni di tonnellate del 2015, ma ancora lontano dal totale di 30 milioni di tonnellate del 2007 e 2006, quando non era ancora scoppiata la crisi finanziaria e poi economica a livello internazionale, dovuta alla bolla speculativa dei mutui negli Usa.

Il traffico merci. I saldi negativi dei settori commerciali che hanno pesato sull’andamento del 2017 sono le rinfuse liquide (-2,4%), dovuto ad un -3,7% (pari a 279.347 tonnellate in meno) di combustibili già raffinati, ma sopratutto al saldo uguale a zero del traffico petrolifero che è cessato in laguna in quanto la raffineria dell’Eni è stata trasformata in una bioraffineria che lavora gasolio già raffinato in altri siti che viene miscelato con olio di palma per produrre biodiesel. Le rinfuse solide hanno segnato un saldo ancora più negativo (-3,8%) dovuto essenzialmente al costante calo delle importazione di carbone che ha fatto seguito alla chiusura di una delle due centrali termoelettriche dell’Enel (la centrale Giuseppe Volpi di Marghera attualmente in demolizione) e l’utilizzo, insieme al carbone, dei rifiuti urbani utilizzati come combustibile. In calo anche l’import di semi oleosi, derrate alimentari e foraggi (-6%). Ben diversi sono i dati relativi al traffico di traghetti ro/ro che arrivano e partono dal terminal delle Autostrade del Mare di Fusina (con una sola darsena delle due previste in funzione) che è cresciuto l’anno scorso di ben il 44,8%, ancor più dell’anno precedente (+30 % nel 2016 rispetto al 2015). Per quanto riguarda il traffico di merci su container nei terminal di Vecon-Psa e Tiv–Msc, il saldo del 2017 sul 2016 è uguale a zero, confermando il record dei 600 mila teu (l’unità di misura di standard dei contenitori con certificazione Iso) dell’anno scorso, dei quali 203.210 teu di container vuoti e 402.798 pieni.

Il traffico passeggeri. I dati dell’Autorità Portuale di Sistema relativi al traffico passeggeri confermano, ancora una volta, un calo dei passeggeri delle navi da crociera (-11,1%), in particolare di quelle che iniziano o concludono la crociera proprio a Venezia (-12,8 % pari a 183.235 passeggeri in meno), mente il calo è molto più contenuto (-1,3 % pari a 2.665 mila passeggeri in meno del 2016) per le toccate. Nel 2017, comunque, le navi da crociera hanno portato a Venezia 1.445.067 passeggeri, confermando il quarto posto nella classifica dei porti per croceristi del Mediterraneo, dopo Barcellona, Civitavecchia e Palma di Mallorca. In ulteriore e forte crescita sono, invece, i passeggeri dei traghetti (+34,4%) che sono arrivati nel 2017 ad un totale di 203.966, dei quali 104.294 su “ferry boat” per altri porti e 99.702 su traghetti locali con traghetti che non superano le 20 miglia giornaliere.
Link all’articolo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...