Smog in calo in Veneto: «Ma senza misure stabili gli interventi spot servono a poco»

Tratto da GENTE VENETA, 31 Dicembre 2015

“I dati scientifici e oggettivi dimostrano che gli interventi spot non funzionano mentre quelli strutturali nel medio e lungo periodo stanno dando risultati positivi”. Lo ha detto l’assessore regionale all’ambiente Gianpaolo Bottacin presiedendo oggi a Venezia, dopo essere stato in videoconferenza con il ministro Galletti e i rappresentanti delle altre regioni e degli enti locali, la riunione straordinaria del Comitato di Indirizzo e Sorveglianza (CIS) per individuare linee comuni per affrontare il problema smog. Da due giorni a questa parte l’emergenza è venuta meno grazie alla nebbia che ha contribuito ad abbattere le polveri sottili e al vento che ha ripulito l’aria.

smog tabella_small

In base alla normativa in vigore – ha ricordato l’assessore – la possibilità di emettere ordinanze per l’inquinamento atmosferico nelle città resta in capo ai sindaci, concordando a livello provinciale gli interventi da attuare in specifici Tavoli Tecnici Zonali. Fondamentale è la raccolta dei dati effettuata da ARPAV e dettagliati a livello di singolo comune, da cui risulta che le sorgenti principali degli inquinanti sono il riscaldamento domestico, in particolare la combustione di biomasse, e le emissioni prodotte dal traffico dei veicoli sulle nostre strade. “Non siamo però all’anno zero – ha detto Bottacin – e gli interventi strutturali messi in campo da tutte le amministrazioni hanno consentito negli ultimi cinque anni una significativa riduzione media degli inquinanti a livello regionale. L’azione proseguirà con il nuovo Piano Regionale di Tutela e Risanamento della qualità dell’aria, adottato dalla Giunta e ora all’esame del Consiglio”.

L’assessore Bottacin ha brevemente illustrato al CIS gli esiti della riunione con il ministro Galletti che ha definito però deludenti. Poche le risorse previste a livello nazionale (12 milioni) e destinate solo alle misure per il trasporto pubblico locale, mentre non si è parlato dei problemi legati al riscaldamento domestico. Il Veneto insieme alla Lombardia ha comunque ribadito che le criticità dell’aria sono sostanzialmente un problema del bacino padano e qui dovrebbero essere concentrate tutte le risorse disponibili.
Link all’articolo

Una risposta a “Smog in calo in Veneto: «Ma senza misure stabili gli interventi spot servono a poco»

  1. La posizione istituzionale è: “…le sorgenti principali degli inquinanti sono il riscaldamento domestico, in particolare la combustione di biomasse, e le emissioni prodotte dal traffico dei veicoli…”. E come mai nessuno parla delle altre cause di inquinamento atmosferico? Non sono solo i veicoli privati e le caldaie degli appartamenti, che vengono verificati periodicamente (peraltro da professionisti abilitati) che bruciano sostanze che finiscono in atmosfera. Chi parla dei cementifici, degli inceneritori industriali ed urbani (ops, scusate, volevo dire termovalorizzatori), centrali a carbone, impianti petrolchimici? Che ne sappiamo delle emissioni di questi grossi bruciatori sparsi nel territorio? E delle navi mercantili e da turismo? E dei veicoli da trasporto pesanti che invadono le nostre strade? La dimostrazione dell’incapacità dei nostri “esperti climatici” è che bloccando il traffico nelle città la tossicità dell’aria non cambia…… Ancora una volta il governo scarica la responsabilità ai soggetti indifesi, penalizzando i singoli cittadini e non le grandi aziende…..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.